Elemento Indigeno
Elemento Indigeno Elemento Indigeno
Doluca - DLC

Doluca - DLC

Sultaniye Emir | 2019

VIN0069-19

Elemento Indigeno
750 ml

Scheda tecnica

  • Paese Turchia
  • Elemento Primo SULTANIYE EMIR
  • Colore Bianco
  • Peculiarità Varietà autoctona
  • Alcol 13.50%
  • Tappo Tecnico

Vinificazione e Affinamento

Per rispecchiare al massimo le caratteristiche fruttate dei vitigni, durante la produzione di questo vino le uve non sono state sottoposte al processo di pigiatura ed è stato fatto fermentare solo il mosto fiore fuoriuscito dalle uve diraspate. Il vino più morbido della serie DLC, DLC Sultaniye-Emir evoca aromi di mela verde e mandarino.

Descrizione Vino

Un'esplosione di fiori bianchi (gelsomino, giglio) e nettarine per le più tipiche e famose varietà bianche turche. Delicato, rotondo e perfettamente equilibrato. Un vino secco aromatico, fresco, morbido, che acquisisce il suo gradevole aroma da uve Sultaniye fruttate ma acidule e la sua struttura e forza dalle uve dell'emiro della Cappadocia.

Doluca - DLC

Turchia

Doluca - DLC

Una delle più antiche imprese nazionali, Doluca è nata nel 1926, poco dopo la fondazione della Repubblica di Turchia avvenuta quattro anni prima. Da allora alla sua guida si sono succedute tre generazioni della famiglia Kutman, che ha saputo non solo sviluppare e modernizzare l'azienda, ma anche tracciare la strada del comparto vitivinicolo turco, introducendo nel Paese varietà come cinsault, semillon, gamay e riesling, e commerciando intensamente con la capitale Instanbul, prima via mare e poi su strada. Originariamente situata a Mürefte, all'estremo nord-occidentale del Paese nella vocata regione di Marmara, questa realtà ha mantenuto un ruolo di primo piano nel contesto nazionale, lavorando sempre più intensamente anche alla valorizzazione dei vitigni autoctoni. Nel 2011 l'ulteriore passo in avanti, un nuovo grande impianto produttivo a Çerkezköy, nella stessa regione ma più vicino allo stretto del Bosforo.

Scopri il produttore >
Elemento Indigeno
Elemento Indigeno